Page Type
Nuova Sabatini

18/03/2014

Officina più efficiente con la nuova Sabatini


Grazie al nuovo strumento agevolativo istituito dal decreto-legge del "Fare" (art. 2 Dgls n.69/2013) viene costituito presso Cassa Depositi e Prestiti di un plafond di risorse (fino a un massimo di 2,5 miliardi di euro, eventualmente incrementabili con successivi provvedimenti fino a 5 miliardi) che le banche e gli intermediari finanziari, previa adesione a una o più apposite convenzioni tra il Mise (Ministero dello Sviluppo Economico), l'Associazione Bancaria Italiana (ABI e la Cassa Depositi e Prestiti, potranno utilizzare per concedere alle PMI (Piccole e Medie Imprese) operanti in tutti i settori produttivi, fino al 31 dicembre 2016, finanziamenti di importo compreso tra 20.000 e 2 milioni di Euro a fronte di investimenti (anche mediante operazioni di leasing finanziario) in macchinari, impianti, beni strumentali e attrezzature, hardware, software e tecnologie digitali.
Per quanto riguarda la procedura per la concessione del contributo, è stato previsto un meccanismo automatico di accesso semplificato. Infatti, l'impresa presenta alla banca, tramite posta elettronica certificata, un'unica dichiarazione-domanda per la richiesta del finanziamento e per l'accesso al contributo ministeriale, attestando il possesso dei requisiti e l'aderenza degli investimenti alle previsioni di legge. Una volta che la banca ha adottato la delibera di finanziamento, il Mise (Ministero dello Sviluppo Economico) procede, in tempi molto contenuti, alla concessione del contributo e a darne comunicazione all'impresa.
L'erogazione del contributo è prevista al completamento dell'investimento autocertificato dall'impresa ed è effettuata in quote annuali secondo il piano di erogazioni riportato nel provvedimento di concessione.
A partire dalle ore 9.00 del 31 marzo 2014 le imprese richiedenti potranno presentare le domande per la richiesta dei finanziamenti e dei contributi alle banche e agli intermediari finanziari aderenti alla convenzione tra Ministero dello sviluppo economico, Cassa Depositi e Prestiti (CDP) e Associazione Bancaria Italiana (ABI).
Grazie a questo strumento i professionisti dello pneumatico potranno sostituire le attrezzature obsolete presenti nei propri centri con strumenti più moderni ed efficienti in grado di semplificare il lavoro, ridurre i tempi ed incrementare i guadagni. La gamma Giuliano Industrial, marchio di eccellenza nel settore automotive da quasi 40 anni, ben si presenta a questo tipo di investimento che renderà la vostra officina più moderna nel modo più economicamente conveniente.