Page Type

02/11/2012

Etichetta Europea Pneumatici


Le etichette, nate per far conoscere al consumatore finale l'efficienza energetica degli pneumatici e altri importanti caratteristiche, saranno obbligatorie dall'1 novembre 2012. Tutte le nuove coperture vendute in Europa dovranno essere dotate di un'etichetta che, in base al regolamento UE 1222/2009, riporterà informazioni (dichiarate dal costruttore o dall'importatore) sull'efficienza nel consumo di carburante, sull'aderenza sul bagnato e sul rumore esterno da rotolamento degli pneumatici.

Come leggere l'etichetta?

Efficienza di consumo di carburante

Questo parametro è importante per ridurre le emissioni inquinanti e i costi di guida. È indicato mediante una lettera da A (minore) a G (maggior consumo). La differenza tra le categorie indica una riduzione o un aumento di consumo di carburante che varia di circa 0,1 litri ogni 100 Km.

Classe di Aderenza su bagnato

È, rappresentata, come nel caso precedente, da una lettera da A a G che indica la capacità di un veicolo di fermarsi rapidamente sul bagnato. Le diverse categorie (A più sicura, G meno sicura) sono separate da uno spazio di frenata che va da 3 a 6 metri (frenata sul bagnato a 80 Km/h).

Classe di Rumore esterno da rotolamento

Indica il rumore esterno emesso dallo pneumatico durante la marcia e si misura in decibel (Db). Visivamente sarà rappresentata con una (minor rumorosità), due o tre (maggior rumorosità) barre nere. Il rumore esterno da rotolamento non è totalmente correlabile al rumore percepito all'interno dell'abitacolo.

Tra gli pneumatici oggi in commercio il Cinturato P7 Blue è l'unico con la doppia A.

Quanto si può risparmiare? Secondo gli studi condotti dall'UE, pneumatici A possono ridurre i costi del carburante fino al 9% (rispetto a coperture G).

Vale la pena ricordare che i consumi e la sicurezza stradale dipendono però fortemente dal comportamento del guidatore (stile di guida, corretta pressione degli pneumatici, rispetto delle distanze di sicurezza).

Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito della commissione europea